A TU PER TU CON VIOLA – Due chiacchiere di Viola Vasarri con Stefano Tronconi, mister degli Allievi regionali

Per Forzasangio.it, Viola Vasarri ha fatto una chiacchierata con Stefano Tronconi, 38 anni, originario di Campi Bisenzio,  ma residente in Valdarno, a Terranuova Bracciolini per la precisione da più di 10 anni.

V: “Stefano, raccontaci un po’ la tua passione per il calcio. Com’è nata?”

S: “La passione per il calcio viene da lontano, molto lontano. Avevo appena 6 anni quando ho iniziato a giocare. Ho fatto poi tutto il settore giovanile nel Settimello e nel Calenzano. Ho giocato fino ai 14/15 anni ma ero molto cagionevole di salute e, quindi, ho dovuto smettere. Non del tutto, perché ho continuato a militare nelle categorie minori e nel calcetto. Poi ho seguito un corso per allenatori della scuola calcio ad Arezzo e sono riuscito a prendere il patentino UEFA B. Ho iniziato ad allenare i Piccoli Amici dell’Olmo Ponte, ho fatto esperienza in molte società valdarnesi ed ora, eccomi qua!”.

V: “Che squadra alleni?”

S: “Alleno il 2001, gli Allievi Regionali, che fanno un campionato molto importante. Sono davvero onorato che la Società mi abbia chiamato a ricoprire questo ruolo. Il campionato è tosto, le squadre sono forti ed ogni domenica è una battaglia ma i miei ragazzi se la stanno cavando. Ad oggi siamo quinti in classifica. Il nostro obiettivo è la salvezza. Il nostro sogno è di piazzarsi nei primi cinque per arrivare a disputare la Coppa Toscana.”

V: “Quale pensi sia la vostra forza?”

S: “Sicuramente la nostra forza è il gruppo. Per andare bene di deve lavorare tanto, ci deve essere un miglioramento continuo.”

V: “Parliamo di numeri, quanti sono i ragazzi che alleni?”

S: “Ho venti tesserati ma a mio disposizione ne ho solo diciotto perché  due sono infortunati.”

V: “Che ci dici della Società?”

S: “Io sono stato contattato personalmente da Baldini e Del Grosso per venire qui. Ed ho trovato una società salda, molto organizzata che crea le condizioni ottimali perché un allenatore possa lavorare bene. Per ogni squadra, oltre all’allenatore, i ragazzi hanno a disposizione un preparatore atletico e un allenatore dei portieri. Diciamo che la società mette un’attenzione particolare nei confronti del capitale umano a nostra disposizione perché possa crescere e svilupparsi nel migliore dei modi.”

V: “Per che squadra tieni?”

S: “Io sono milanista ma, viste le mie origini, simpatizzo anche per la Fiorentina.”

V: “Ci lasci con un’ultima battuta….come stai vivendo questa stagione?”

S: “Sono molto contento di questa esperienza e dei miei ragazzi. Tanti vengono da fuori, da Arezzo e anche da Chiusi e quindi vedo proprio un grande impegno ed una grande grinta da parte loro. E questo è un grande stimolo per svolgere al meglio il compito che mi hanno dato.”


WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: