Foto: Mauro Grifoni

Maurizio Minghi si attendeva dalle ultime due partite, con Ghiviborgo e TerranovaTraiana, ben altri risultati e, quando lo avviciniamo in esclusiva per la nostra testata, il suo morale non è dei migliori. È senz’altro amareggiato ma anche consapevole che il campionato è ancora lungo e di tempo per rifarsi sicuramente ce n’è: “Come ho avuto già modo di dire in queste colonne un paio di settimane fa, ritenevo la gara interna col Ghiviborgo e quella di Terranuova due interessanti banchi di prova per testare la nostra forza e dare una svolta, importante, alla stagione. Purtroppo li abbiamo falliti entrambi, evidentemente non siamo ancora pronti per stare lassù e dobbiamo trovare un certo equilibrio nei risultati basti pensare che siamo stati bravi a vincere in campi, sulla carta, molto difficili come Livorno e Grosseto e abbiamo, poi, a steccato altre partite proprio come quella di due settimane fa cui tutti pensavamo fosse alla nostra portata. Era decisamente meglio uscire sconfitti da Livorno e vincere col Ghiviborgo in casa ma il calcio non è assolutamente matematica. Detto questo, sottolineato che volevo e volevamo altri risultati, non è assolutamente il tempo di fare processi, la nostra classifica è ancora discreta e siamo a un passo delle posizioni che contano. Proprio domenica potremmo avere l’ennesima occasione per dare ben altro lustro alla nostra graduatoria. C’è tutto il tempo per risalire la china e restare ben ancorati nelle zone che contano ma è chiaro che, fin dall’impegno col Città di Castello, occorrerà arrivare al triplice fischio con un altro risultato rispetto queste due gare giocate”. Giovedì si apre il calciomercato, la società sta già lavorando per poter migliorare un reparto parso a tutti abbastanza deficitario: “Numeri alla mano siamo una delle migliori difese di questo torneo, di contro però in attacco non siamo messi molto bene ed è abbastanza chiaro che le nostre attenzioni siano incentrate proprio su questo reparto. Ci stiamo già lavorando, è purtroppo probabile che quando vai a prendere tanti giocatori qualcuno tu possa anche sbagliarlo. Se siamo delusi da Boix ? Magari qualche goal in più ce l’aspettavamo ma lo scorso anno questo ragazzo ne ha messi 12 a referto nel Nord Italia dove mi dicono ci siano squadre toste e che spendono tanto. Vedremo, ogni modo, come poter lavorare su questo aspetto. La società è pronta a intervenire, a dicembre non è mai facile fare mercato a patto che tu abbia risorse illimitate. Sicuramente, però, qualcuno uscirà e qualche altro entrerà a far parte della nostra rosa”.